Buon fine settimana. In questi giorni ho finito di leggere un saggio molto interessante disponibile gratuitamente sul sito della casa editrice Franco Angeli, Cura, relazione, professione: questioni di genere nel servizio sociale.
Il contributo italiano al dibattito internazionale, a cura di Roberta Teresa Di Rosa e Luigi Gui. Il libro è stato pubblicato negli scorsi mesi.

Il testo raccoglie diversi saggi che analizzano il tema del genere nell’ambito dei servizi sociali. Come ben spiegato nella quarta di copertina:

Ricerche nazionali e internazionali mostrano la persistenza di matrici culturali e di stereotipi di genere rispetto alla divisione del lavoro, sin dalla formazione, nella mentalità degli studenti e dei formatori, e spesso anche negli stessi professionisti. Le riflessioni critiche degli autori sono orientate alla ricerca di un antidoto al permanere in statu quo, e insieme allo sviluppo di una modalità di intervento sociale avanzata e di attenzione consapevole rispetto al genere, sia tra professionisti, sia con utenti e clienti dei servizi, diversa a seconda che siano uomini, donne o in un processo di ridefinizione di sé. Percorsi di ricerca che si offrono come contributo verso sviluppi di segno diverso nei molteplici fronti della formazione (universitaria e permanente), della narrazione collettiva e massmediale, della ricerca e riflessività prodotta dalla stessa comunità professionale degli assistenti sociali.

È un testo davvero interessante, che fa riflettere su quanto, anche in un ambito che dovrebbe essere non discriminatorio, la questione del genere non è stata ancora del tutto risolta.

A tal proposito, vi suggerisco di vedere questo Ted talk che tratta dei ruoli di genere dall’ottica maschile.