Ciao a tutti! Negli ultimi giorni sono riuscita a recuperare una docuserie di cui si è parlato tanto al momento della sua uscita, Veleno, diretta da Ettore Paternò e Hugo Berkeley e basata sull’omonimo podcast di Pablo Trincia.

La docuserie ricostruisce il caso giudiziario dei Diavoli della bassa modenese, in cui negli anni ’90 sedici bambini sono stati sottratti alle famiglie di origine che erano state accusate di abusi e atti satanisti nei confronti dei minori. Alcuni di questi bambini hanno poi ritrattato le loro argomentazioni, una volta diventati adulti.

Ci ho riflettuto tanto prima di scrivere questa recensione. È un caso molto complesso, che mi ha dato molto da riflettere, visto anche che sono stati coinvolti in prima persona miei colleghi. Devo essere sincera, sentendo le argomentazioni de minori e delle famiglie coinvolte, i servizi sociali non ne escono sempre bene. Sembra quasi come se alcune argomentazioni portate avanti dai bambini fossero state indotte dagli stessi operatori sociali, soprattutto considerando il fatto che, ad esempio, non sono mai state trovate prove materiali dei riti satanici. La mia personalissima opinione sulla vicenda è che nessuno ha operato in malafede, dato che, anche a sentire le voci dei bambini, ora adulti, che non hanno ritrattato, gli abusi ci sono stati, e quindi i bambini meritavano comunque di essere tutelati. Quelli che a mio parere non ci sono stati sono i riti satanici, che però non ho ancora capito come possano essere venuti fuori.

Quello che è certo è che è una vicenda molto complessa e dolorosa, per tutte le parti coinvolte. Spero che chi se lo merita possa comunque avere la giustizia che gli spetta, e che chi ha sbagliato sconti la pena adeguata.